Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Spari ed esplosioni hanno scosso la notte scorsa Bujumbura, capitale del Burundi, mentre veicoli militari e di polizia hanno pattugliato il centro della città e i residenti si sono chiusi in casa. Secondo fonti militari, almeno un campo militare è stato attaccato.

I disordini sono apparentemente legati all'elezione per un terzo mandato del Presidente Pierre Nkurunziza, che molti burundesi e osservatori stranieri hanno visto come incostituzionale e in violazione degli accordi di pace che hanno messo fine alla guerra civile (1993-2006).

L'elezione di Nkurunziza ha scatenato mesi di violenze, tra cui un tentativo di golpe mancato. Almeno 240 persone sono state uccise da aprile e circa 215.000 sono fuggite nei paesi vicini, secondo le Nazioni Unite. Mentre, almeno sette persone sono state uccise questa settimana da sei uomini che indossavano uniformi della polizia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS