Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La società tedesca FlixBus già oggi trasporterebbe illegalmente passeggeri che salgono e scendono in Svizzera.

KEYSTONE/WALTER BIERI

(sda-ats)

Via libera ai collegamenti fra città svizzere in autobus, anche se solo nell'ambito di un test molto limitato.

L'Ufficio federale dei trasporti (UFT) ha approvato l'esercizio di sei viaggi, un'andata e un ritorno sulle tratte Basilea-Lugano, San Gallo-Ginevra e Coira-Sion, da parte della società zurighese Domo Reisen.

L'obiettivo è valutare l'offerta in condizioni realistiche, ha indicato il portavoce dell'UFT Gregor Saladin confermando una notizia diffusa dal Blick. Come noto l'azienda con sede a Opfikon (ZH) ha chiesto una concessione per linee a lunga distanza, con l'obiettivo di fare concorrenza alle FFS.

l tema è di stretta attualità con lo sbarco in Svizzera di FlixBus, l'operatore tedesco che l'anno scorso ha trasportato un milione di passeggeri. L'azienda fondata nel 2011 sta valutando anche la possibilità di richiedere una concessione per poter trasportare passeggeri fra due località elvetiche, cosa oggi proibita (cosiddetto divieto di cabotaggio).

In realtà oggi vi sono già parecchi passeggeri che salgono e scendono in Svizzera con i pullman di FlixBus.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS