Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Cabriolet: è Basilea il bastione svizzero delle decappottabili (foto d'archivio).

KEYSTONE/AP/Martin Meissner

(sda-ats)

Sulle strade basilesi non è difficile incappare in un cabriolet.

Infatti, i due cantoni renani vantano la densità di vendita di queste automobili più alta della Svizzera sugli ultimi 12 mesi, con rispettivamente 8% di veicoli proposti nel cantone di Basilea campagna e 7% in quello di Basilea città. Il Ticino si ferma al 6,4%.

Da notare che anche la maggior parte dei cantoni della Svizzera orientale e centrale supera la media nazionale del 6%, rileva stamani in una nota Autoscout24.ch, piattaforma di vendita online per i veicoli nuovi e di occasione in Svizzera.

Tra questi in testa c'è Zugo con una proporzione media di cabrio del 7,7% rispetto all'offerta totale. Seguono Turgovia (7,5%), Appenzello interno (7,2%) e Zurigo (7,1%).

Tra i top 10 vi è anche Ginevra (7%), ma negli altri cantoni romandi si registra invece la più debole proporzione di decappottabili offerte. Il soleggiato Ticino - rileva l'indagine - sorprende con un 6,4%. Si trova così nel mezzo della classifica.

"Per molti svizzeri il cabriolet è la seconda vettura che utilizzano per uscire nei bei giorni d'estate", spiega nella nota Christoph Aebi, direttore di d'Autoscout24. "La meteo non è veramente un criterio nell'ambito dell'offerta e della domanda, si tratta piuttosto di sapere se la gente vuole investire in una seconda vettura", aggiunge.

Nei cantoni più grandi in termine di superficie, come Grigioni (4,8%), Berna (4,7%) e Vallese (3,9%), sono di meno i cabriolet proposti. In questi casi potrebbe essere la topografia a influenzare nella scelta del veicolo. Aebi rileva in particolare che i conducenti di queste regioni cercano piuttosto veicoli fuoristrada o station wagon.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS