Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La caccia al Dna della Gioconda prosegue. Stamani a Firenze il Comitato scientifico che è sulle 'traccè della nobildonna Lisa Gherardini Del Giocondo, la modella di Leonardo per il celebre dipinto, ha aperto una cripta della basilica di Ss. Annunziata trovando i resti del marito, Francesco Del Giocondo, e dei figli Piero e Bartolomeo.

Il ritrovamento non era scontato. Ora il Comitato comparerà il Dna di questi resti con quello degli scheletri femminili repertati da tempo nell'ex convento S.Orsola dove Lisa fu sepolta.

I tre scheletri femminili che il Comitato per la valorizzazione dei Beni culturali, coordinato da Silvano Vinceti, ha selezionato, in collaborazione con l'università di Bologna, fra gli otto ritrovati negli scavi di Sant'Orsola tra il 2011 e il 2012, vengono sottoposti in queste settimane all'esame del carbonio 14 a Lecce, presso l'università del Salento, per stabilire fra essi qual è assimilabile a una donna morta nel '500, come appunto fu Lisa Gherardini (1479-1542), che in anzianità si ritirò nel convento di Sant'Orsola a Firenze. I risultati, è stato riferito, saranno disponibili dopo metà settembre.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS