Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Due persone sospette - di origine rumena - sono state fermate venerdì dalla polizia cantonale vodese nell'ambito dell'inchiesta sul cadavere di un uomo di 53 anni rinvenuto lo stesso giorno nei pressi di un campeggio a Yverdon-les-Bains (VD).

Lo ha comunicato oggi la polizia cantonale, precisando che la vittima presenta gravi traumi alla testa.

I due individui di 19 e 20 anni sono stati trovati venerdì verso le 18:40 da gendarmi dell'unità cinofila in prossimità della stazione e sono stati fermati e interrogati dagli inquirenti e dal procuratore in presenza dei loro avvocati, precisa nella nota la polizia vodese.

Secondo gli specialisti del centro universitario romando di medicina legale, all'origine della morte del 53enne vi sono gravi traumi alla testa.

Le circostanze esatte e il movente del presunto omicidio sono ancora vaghi come anche il ruolo di ciascuno dei due rumeni fermati e posti in detenzione preventiva. Le indagini e le analisi continuano. Da venerdì mattina oltre cinquanta poliziotti hanno lavorato al caso.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS