Navigation

Cadono le stelle: 4 ristoranti non brillano in Guida Michelin

La Guida Michelin ha tolto una stella al ristorante di Paul Bocuse KEYSTONE/EPA/ISL PRO HK bjw sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 gennaio 2020 - 19:20
(Keystone-ATS)

Quest'anno ci saranno 628 ristoranti stellati, quattro in meno rispetto allo scorso anno.

Tra le novità: 18 nuovi ristoranti stellati a Parigi, e tre nuovi ingressi nel dream team delle tre stelle Michelin, tra cui Kei Kobayashi, il primo chef giapponese ad aggiudicarsi il prestigioso riconoscimento in Francia. Lo hanno annunciato i curatori della guida Michelin France, presentata oggi a Parigi.

Dopo le tante polemiche sulla terza stella tolta al ristorante, nei pressi di Lione del defunto Paul Bocuse, la guida ha anche detto all'agenzia di stampa Afp che non ci sarebbero stati altri declassamenti da tre a due stelle.

In apertura della cerimonia di premiazione, Michelin ha oggi reso omaggio a Emile Jung, il decano delle tre stelle del Crocodile a Strasburgo, morto lunedì all'età 78 anni. Il direttore internazionale delle guide Michelin Gwendal Poullennec ha sottolineato il ricordo di uno chef straordinario che "ha portato ai vertici la gastronomia francese e il territorio alsaziano. La sala ha omaggiato Jung con una standing ovation.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.