Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Sarà un po' difficile per me fare il tifo, ma per fortuna è un'amichevole. E che sia veramente così, mi raccomando". Lo ha detto papa Francesco ricevendo in udienza nella Sala Clementina le squadre nazionali di Italia e Argentina che si incontreranno domani sera in un'amichevole in suo onore allo Stadio Olimpico di Roma.

"Prima di essere campioni - ha osservato il pontefice - siete uomini, persone umane, con i vostri pregi e i vostri difetti, con il vostro cuore e le vostre idee, le vostre aspirazioni e i vostri problemi. E allora, anche se siete dei personaggi, rimanete sempre uomini, nello sport e nella vita. Uomini, portatori di umanità".

"A voi dirigenti, vorrei dare un incoraggiamento", ha detto il Papa. "Lo sport è importante, ma deve essere vero sport! Il calcio, come alcune altre discipline, è diventato un grande business! Lavorate perché non perda il carattere sportivo".

Il pontefice ha quindi invitato a promuovete l'atteggiamento di "dilettanti" che "elimina definitivamente il pericolo della discriminazione". Allora "lo stadio si arricchisce umanamente, sparisce la violenza e tornano a vedersi le famiglie sugli spalti".

"Uno sportivo, pur essendo professionista, quando coltiva questa dimensione di "dilettante", fa bene alla società, costruisce il bene comune. "Mi spiego: nel gioco, quando siete in campo, si trovano la bellezza, la gratuità e il cameratismo", ha spiegato papa Francesco.

"Voi, cari giocatori, siete molto popolari - ha proseguito -. La gente vi segue molto, non solo quando siete in campo ma anche fuori. Questa è una responsabilità sociale!".

"È vero - ha aggiunto Bergoglio - che l'organizzazione nazionale e internazionale professionalizza lo sport, e dev'essere così, ma questa dimensione professionale non deve mai lasciare da parte la vocazione iniziale di uno sportivo o di una squadra: essere amateur, 'dilettante'".

"Per favore, vi chiedo che preghiate per me, perché anch'io, nel campo in cui Dio mi ha posto, possa giocare una partita onesta e coraggiosa per il bene di tutti noi", ha detto Papa Francesco al termine del suo discorso alle delegazioni di Italia e Argentina.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS