Navigation

Calcio, vietare colpi di testa ai ragazzini?

Occhio a non farvi male. KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 novembre 2019 - 18:05
(Keystone-ATS)

Vietare i colpi di testa nella pratica del calcio giovanile: è quanto chiedono due rinomati specialisti svizzeri in neurologia, che auspicano nuove regole per evitare il più possibile i traumi cranici.

La ricerca scientifica mostra infatti che frequenti commozioni cerebrali contribuiscono allo sviluppo della demenza. I bambini sono maggiormente esposti al rischio di danni cerebrali in caso di lesioni alla testa, perché hanno il cranio più sottile e muscoli del collo più deboli, ricorda la SonntgasZeitung. Negli Stati Uniti la federazione calcistica ha vietato i colpi di testa ai bambini al di sotto dei 10 anni. Dai 10 ai 13 anni vi si può fare ricorso solo in misura limitata.

Misure queste che - riferisce il domenicale - sono viste di buon occhio anche da Peter Zangger, a lungo responsabile della clinica di riabilitazione a Bellikon (AG), e Andreas Meyer-Heim, primario in una clinica specializzata ad Affoltern am Albis (ZH). Da parte sua la lega svizzera di calcio ritiene invece che imporre un divieto sia un provvedimento esagerato. In gennaio sono però previste discussioni per trovare altri modi volti a ridurre i danni cerebrali nei bambini e nei giovani.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.