Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Incendi devastanti in California

KEYSTONE/AP The Press Democrat/KENT PORTER

(sda-ats)

Inferno di fuoco nel nord della California, uno dei peggiori nella storia del Golden State, con 17 focolai che da domenica hanno già divorato circa 100'000 acri di terreno (oltre 40'000 ettari), in particolare nella Napa Valley, nota per la sua produzione vinicola.

I dati parlano da soli: almeno 13 morti, centinaia di ustionati e intossicati, 150 persone scomparse, oltre 20'000 sfollate (tra cui centinaia di pazienti di ospedali) e più di 1500 strutture distrutte tra case, resort e aziende vinicole. Un bilancio provvisorio che secondo le autorità è destinato a peggiorare.

Il governatore democratico Jerry Brown ha già dichiarato lo stato di emergenza in sette contee e chiesto l'aiuto federale a Donald Trump, di cui è un fiero oppositore. La situazione "è di tale gravità e ampiezza che una risposta efficace è oltre le capacità dello Stato e dei governi locali colpiti", ha ammesso, invocando l'assistenza da Washington. Finora silenzio, anche su Twitter, da parte di Trump, che invece è stato più che sollecito nell'affrontare gli uragani in Texas e in Florida, due stati dove ha vinto nelle presidenziali.

Mai come ora il fuoco aveva danneggiato in modo così devastante le due contee vinicole, che con i loro 100 mila acri di viti ed oltre 650 case vinicole producono circa il 13% di tutto il vino californiano ma ben di più se si guarda solo alle bottiglie di qualità. Un'industria che genera ogni anno più di 55 miliardi di dollari (53,7 miliardi di franchi al cambio attuale) in California. I danni quindi potrebbero essere ingenti, soprattutto se i roghi dovessero continuare nei prossimi giorni. Senza contare l'indotto legato al turismo, trainato spesso da visite e degustazioni alle cantine locali.

Le previsioni meteo sono incoraggianti perché indicano una diminuzione della forza dei venti e delle temperature che finora, complice la mancanza di umidità, hanno alimentato le fiamme. Ma attualmente i vigili del fuoco e i soccorritori stanno ingaggiando una dura battaglia per contenere i roghi ed evacuare gli abitanti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS