Navigation

California, strage in facoltà, 7 morti

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 aprile 2012 - 06:52
(Keystone-ATS)

Sette morti, tre feriti. È il bilancio, non ancora definitivo, dell'ennesima strage all'interno di una università americana, ad opera di un ex studente.

Scenario della tragedia un'aula della Oikos University, una piccola università indipendente d'ispirazione cristiana a Oakland, in California. Il presunto killer è un ex studente quarantenne, asiatico, che, in tuta mimetica, ha aperto il fuoco in una classe della scuola di infermeria del College. Poi si è dato alla fuga. Più tardi, ad alcune miglia dal luogo della strage, appena fuori un noto supermercato in un centro commerciale, è stato arrestato.

Secondo alcune fonti, è entrato nel negozio e ha raccontato di aver appena sparato e ucciso molte persone. A quel punto, sarebbe arrivata la polizia che lo ha catturato senza che l'uomo abbia opposto alcuna resistenza. Pare che di recente sia stato cacciato dalla scuola in cui poi ha commesso il massacro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?