Navigation

Calmy-Rey: eventuali dimissioni critiche per PS

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 luglio 2011 - 11:18
(Keystone-ATS)

Si susseguono le voci su una possibile partenza della ministra socialista Micheline Calmy-Rey prima delle elezioni federali di ottobre. Un'eventualità che causa qualche grattacapo al suo partito dal momento che l'eventuale seggio vacante sarebbe l'ultimo ad essere occupato in occasione del rinnovo completo del Consiglio federale in dicembre; la sinistra teme di perdere il secondo Consigliere federale. Per questo motivo, Calmy-Rey potrebbe anche restare al suo posto, ha dichiarato il presidente dei socialisti Christian Levrat alla "NZZ am Sonntag".

Al momento, ha spiegato Levrat, Micheline Calmy-Rey potrebbe dare le dimissioni prima di ottobre oppure rimanere fino al 2013/14. In ogni caso, a prescindere dalla decisione della ministra degli esteri, il secondo seggio del PS in governo è in pericolo ugualmente secondo il Consigliere nazionale friburghese. "L'UDC vuole il secondo seggio nell'Esecutivo e ha più volte minacciato di cacciare il PS dalla stanza dei bottoni", ha argomentato Levrat.

Levrat non considera per ora l'idea di aiutare l'UDC ad ottenere un secondo seggio a spese del Partito borghese democratico - ossia della consigliere federale Eveline Widmer-Schlumpf - al fine di mantenere due socialisti in governo. "Per quanto riguarda il destino di Widmer-Schlumpf, vogliamo prima attendere l'esito delle votazioni per farci un'idea più precisa dei rapporti di forza in parlamento", ha spiegato Levrat.

Secondo Levrat, Calmy-Rey - la ministra in carica da più tempo - prenderà una decisione sul suo futuro politico durante questa estate.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?