Navigation

Calmy-Rey incontra presidente Consiglio europeo a Zurigo

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 novembre 2011 - 20:48
(Keystone-ATS)

La presidente della Confederazione Micheline Calmy-Rey ha incontrato in serata a Zurigo il presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy. Al centro dei colloqui vi era la crisi del debito nei paesi dell'eurozona. Altri temi affrontati: le relazioni tra la Svizzera e l'UE, la collaborazione in ambito fiscale e varie questioni internazionali.

Le discussioni sono state "molto costruttive", ha dichiarato la Calmy-Rey in una conferenza stampa. A proposito della crisi debitoria la presidente della Confederazione ha sottolineato che la Svizzera, in quanto stretto partner economico dell'UE e importante piazza finanziaria del Vecchio Continente, è interessata a una rapida soluzione della crisi dell'euro. Per la Confederazione il franco forte è un problema: il 60% delle esportazioni è diretto nell'UE e l'80% delle importazioni arrivano dai paesi membri.

La ministra ha escluso un contributo al fondo salva-Stati, ricordando che la Svizzera si mostra già solidale attraverso i versamenti al Fondo monetario internazionale (FMI). In primavera il parlamento ha approvato di portarli a 16 miliardi di franchi, ha spiegato. Micheline Calmy-Rey ha poi spiegato al presidente del Consiglio europeo gli accordi sull'imposta liberatoria raggiunti con la Germania e la Gran Bretagna.

Van Rompuy ha da parte sua informato la presidente della Confederazione della reazione dell'UE alla crisi: "riforme importanti sono in corso sia nell'eurozona nel suo insieme sia negli Stati sottoposti a pressioni da parte dei mercati". "Siamo determinati a garantire la stabilità finanziaria della zona euro", ha sottolineato.

In materia di politica estera, il colloquio tra la Calmy-Rey e Van Rompuy ha riguardato l'accordo firmato oggi tra la Georgia e la Russia sull'adesione di quest'ultima all'Organizzazione mondiale del commercio (WTO). Il belga ha espresso la sua "profonda riconoscenza" alla Svizzera per i suoi sforzi di mediazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?