Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Banca nazionale svizzera (BNS) è di nuovo intervenuta la settimana scorsa sui mercati dei cambi per contrastare il rafforzamento del franco.

Tra il 20 e il 24 febbraio, secondo i dati pubblicati oggi, gli averi a vista presso l'istituto sono saliti di 4,7 miliardi di franchi a complessivi a 548,2 miliardi.

La settimana precedente i depositi erano aumentati di 4,5 miliardi, mentre dall'inizio dell'anno l'incremento si attesta a 19 miliardi. Il franco, considerato un rifugio sicuro, si sta rafforzando in considerazione delle incertezze politiche in Europa: preoccupano il debito greco e le prossime elezioni in Francia. Oggi poco dopo le 11.00 la valuta elvetica era scambiata a 1,06536 franchi per un euro, contro 1,0742 di fine gennaio. La BNS, contattata dall'agenzia finanziaria AWP, non ha rilasciato commenti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS