Navigation

Cambogia: al via processo storico a regime Khmer Rossi

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 giugno 2011 - 07:48
(Keystone-ATS)

Si è ufficialmente aperto a Phnom Penh, capitale della Cambogia, il processo patrocinato dall'Onu ai quattro alti responsabili ancora in vita dei Khmer Rossi. L'ideologo del regime di Pol Pot, chiamato anche 'Fratello numero due" Nuon Chea, il ministro degli Affari Esteri Ieng Sary, il presidente della "Kampuchea democratica" ("Organizzazione democratica", il nome che i Khmer rossi avevano dato al loro regime politico, ndr), Khieu Samphan e la ministra degli Affari sociali, Ieng Thirith dovranno rispondere di crimini di guerra, crimini contro l'umanità e genocidio.

Il regime comunista dei Khmer rossi, al potere dal 1975 al 1979 in Cambogia provocò la morte per fame, malattie, torture ed esecuzioni sommarie di quasi due milioni di persone, vale a dire un quarto della popolazione di allora in Cambogia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.