Tutte le notizie in breve

Giro d'affari in crescita nel 2016 per TCS Camping. Nell'immagine un "tipi".

KEYSTONE/AP/RODRIGO ABD

(sda-ats)

Giro d'affari in crescita nel 2016 per TCS Camping: il fatturato lordo si è attestato a 21,1 milioni di franchi in progressione del 4,1% rispetto all'anno precedente. In aumento anche i pernottamenti saliti del 7% a quota 512'000.

Lo ha comunicato oggi il più importante gestore di campeggi della Svizzera, precisando di aver beneficiato in particolar modo della nuova strategia “Glamping”, ossia l'affitto di confortevoli alloggi.

Nel 2017, TCS Camping continuerà a investire in quest'offerta di successo e nell'ulteriore sviluppo dei suoi 24 campeggi, si legge nel comunicato.

Nonostante il difficile momento per il turismo svizzero, nel 2016 TCS Camping è riuscito ad aumentare il fatturato e il numero dei pernottamenti, indica la nota precisando che la crescita va attribuita in parte a una maggiore presenza di ospiti provenienti dalla Germania, Francia e Olanda, al bel tempo di fine estate e alla delicata situazione politica in molte destinazioni turistiche all'estero.

Proposti gradualmente negli scorsi anni, i nuovi alloggi "Glamping": "tipi", tende safari e pods, hanno affascinato i turisti, tanto che nell'alta stagione 2016 erano tutti al completo, viene indicato.

"I nostri confortevoli e originali alloggi - spiega Oliver Grützner, responsabile del settore 'Turismo & Tempo libero' del TCS - consentono anche ai principianti, sprovvisti di equipaggiamento da campeggio, di vivere da vicino l'ambiente naturale e disteso del campeggio".

"Rafforzeremo l'offerta di 'Glampling'" - ha indicato Grützner: quest'anno, anche i campeggi di Scuol, Buochs, Gordevio, Sempach e Ginevra-Vésenaz avranno diversi alloggi di questo tipo .

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve