Navigation

Canada: ammanettato a nove anni a scuola, polemiche

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 agosto 2011 - 21:19
(Keystone-ATS)

Un bambino di nove anni è stato ammanettato dalla polizia a scuola a causa della sua reazione violenta alle prese in giro dei compagni. Ed è subito polemica con la mamma del bambino, che ha sporto denuncia, in quello che è solo l'ultimo di una serie di episodi controversi in scuole canadesi.

La scuola, il Fairbank Memorial di Toronto, ha chiamato la polizia dopo che, rispondendo alle prese in giro dei suoi compagni, un bambino di nove anni è esploso in una reazione di rabbia, gettando a terra sedie, spostando tavoli e imbrattando pareti. Lo staff della scuola ha chiesto aiuto alla polizia, dato che il ragazzo si era barricato dietro una porta e sembrava incontrollabile. Un poliziotto, giunto sul posto, ha intimato al bambino di stendersi a terra e, dopo che questi ha obbedito senza opporre resistenza, lo ha ammanettato. La madre ha deciso di denunciare le autorità.

Si tratta solo del più recente episodio controverso da parte di polizia o asili in Canada. All'inizio del mese sono cadute le accuse criminali a due operatori di asili accusati nel 2009 di aver legato un bambino a una sedia con lo scotch dopo che questi aveva gettato la sedia a terra. Lo scorso aprile, a Prince George, in British Columbia un poliziotto ha utilizzato la pistola taser su un bambino di undici anni che dicono avesse accoltellato un adulto. Il poliziotto è tuttora sotto inchiesta.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?