Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Coloro che hanno già pagato la fattura alla Billag per la ricezione dei programmi radiotelevisivi, saranno rimborsati dell'IVA versata in eccesso. Lo ha deciso oggi l'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM).

La società di riscossione del canone radio-tivù attuerà la decisione del Tribunale federale (TF) del 13 aprile scorso.

Nella sua sentenza, il TF ha giudicato non corretto assoggettare all'IVA la tassa di ricezione prelevata dalla Billag. Ora l'UFCOM ha confermato che l'importo versato in eccesso verrà dedotto dalla prossima fattura.

In tal modo, le economie domestiche e le imprese coinvolte non saranno svantaggiate rispetto a coloro che a maggio riceveranno una fattura senza IVA. Il canone passerà infatti dagli attuali 462,40 franchi a 451,10.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS