Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È solo la terza volta che una moneta di questo tipo viene ritrovata in Svizzera.

KEYSTONE/AP/MIKE GROLL

(sda-ats)

Il servizio archeologico del canton San Gallo ha reso noto oggi di aver recuperato in giugno un Luigi d'oro del 1738 che un romando stava tentando di vendere su internet.

Questi aveva trovato la moneta grazie a un metal detector, durante una ricerca effettuata senza autorizzazione nei campi di San Gallo e Turgovia.

Aveva poi cercato acquirenti in rete. Presa conoscenza della situazione grazie alle informazioni di un sito di vendita online, il servizio archeologico sangallese ha presentato una denuncia penale, scrive in una sua nota odierna.

L'inchiesta ha permesso di ritrovare dodici oggetti preziosi, fra cui la moneta francese da 22 carati d'oro, introdotta da re Luigi XIII nel 1640. Un tribunale ha poi deciso che la proprietà di essa dovesse venire assegnata al cantone.

Si tratta di un pezzo raro: ne sono stati rinvenuti solo tre di questo genere in Svizzera. All'epoca, il valore della moneta avrebbe permesso a tre persone di viaggiare da San Gallo a Parigi.

SDA-ATS