Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il tipo di trattamento che un paziente affetto da tumore riceve in Svizzera nell'ultimo mese di vita dipende soprattutto da dove abita e da come è assicurato. Anche l'età del malato ha un'influenza. È la conclusione cui giunge uno studio del Gruppo Svizzero di Ricerca Clinica sul Cancro (SAKK) pubblicato oggi.

Così per esempio non in tutti i cantoni pazienti malati di tumore vengono sottoposti a chemioterapia con la stessa frequenza: in Ticino il trattamento è prescritto una volta e mezzo più spesso che nel cantone di Zurigo.

Dal luogo di domicilio dipende anche dove il malato trascorre il suo ultimo mese di vita: a casa o in ospedale. I pazienti vengono più raramente ricoverati in Vallese.

Anche il tipo di assicurazione ha un'influenza sul trattamento. Pazienti con un'assicurazione complementare semiprivata o privata sono sottoposti a chemioterapia due volte più frequentemente rispetto a coloro privi di assicurazione complementare. Inoltre questi malati sono quelli che più spesso vengono ricoverati in ospedale.

Oltre al cantone di residenza e alle assicurazioni vi sono altri fattori che hanno un ruolo per il trattamento: più anziano è il paziente e più raramente viene sottoposto a una chemio o radioterapia. Le persone anziane vengono anche meno spesso ricoverate in ospedale.

Lo studio mostra inoltre che in media il 68,5% dei malati di tumore trascorrono l'ultimo mese di vita in ospedale. Tale quota a confronto internazionale è molto alta, sottolinea lo studio. Ciò potrebbe indicare che in Svizzera vi è una maggiore concentrazione di ospedali e relativamente meno alternative per cure in ospedali acuti.

Per lo studio sono stati analizzati i dati anonimi di 3809 pazienti che sono morti di tumore in Svizzera tra il 2006 e il 2008. Lo studio è il risultato della collaborazione con il Centro europeo per la medicina farmaceutica (European Center of Pharmaceutical Medicine, ECPM), l'Università di Basilea e l'assicurazione malattia Helsana. Inoltre sono stati consultati i registri cantonali dei tumori di Ticino, Basilea Città, Vallese e Zurigo.

SDA-ATS