Navigation

Caramelle, aumentano volumi venduti ma calano i ricavi

Si produce parecchio in Svizzera. KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 08 aprile 2020 - 17:05
(Keystone-ATS)

Nel 2019 i tredici produttori elvetici di caramelle hanno aumentato le vendite in termini di volume, ma hanno visto lievemente calare i ricavi.

Il giro d'affari generato da "bonbon", confetti, gomme da masticare e prodotti affini si è attestato a 366 milioni di franchi, lo 0,1% in meno dell'anno precedente.

A livello di quantità è stata invece osservata una progressione dell'1,4% a 36'753 tonnellate, informa oggi in un comunicato Biscosuisse, l'organizzazione dell'industria dei biscotti e dei dolciumi.

In Svizzera sono state vendute 6250 tonnellate dei prodotti in esame, con un calo dello 0,2% che ha influito anche sul fatturato (-1,7% a 81 milioni). La quota di mercato dei fabbricanti elvetici è del 23%. Le esportazioni hanno invece ammontato a 30'503 tonnellate (+1,7%), con proventi per 286 milioni (+0,4%).

Biscosuisse osserva che la pressione sul fronte del franco forte è aumentata e probabilmente salirà ancora, sulla scia del coronavirus. Il settore è inoltre ostacolato dal rincaro dei dazi sullo zucchero.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.