Navigation

Carenza di manodopera qualificata aumentata nel 2019

Stando a uno studio di Adecco, la carenza di manodopera qualificata è aumentata in Svizzera nel 2019 KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 novembre 2019 - 07:51
(Keystone-ATS)

In Svizzera, la carenza di manodopera qualificata è aumentata nel 2019, in particolare nelle professioni tecniche, ingegneristiche e fiduciarie. Da un punto di vista regionale, la Svizzera tedesca è di gran lunga più colpita di quella latina.

"La situazione nelle professioni con la maggiore carenza di personale si è ulteriormente acuita rispetto allo scorso anno", indica oggi Adecco in uno studio. Stando allo specialista del lavoro interinale, "nel 2018 per le aziende è stato quindi più difficile trovare personale idoneo rispetto all'anno precedente".

Le professioni dell'ingegneria, che comprendono ad esempio gli ingegneri edili ed elettrotecnici, sono particolarmente interessate dal problema. In quelle tecniche, sono soprattutto gli specialisti del riscaldamento, della ventilazione e della climatizzazione ad essere ricercati.

Seguono il settore dell'informatica, in particolare gli analisti e i programmatori, le professioni fiduciarie e della sanità.

Eccesso di offerta di personale

Dal canto loro, i settori con bassi requisiti di formazione sono particolarmente colpiti dall'eccesso di offerta di personale. "Nel 2019 le professioni nei rami delle pulizie, dell'igiene e della cura del corpo hanno registrato un eccesso di offerte (...) maggiore rispetto a tutte le altre categorie", precisa ancora Adecco.

Seguono i mestieri del settore alberghiero e della ristorazione nonché dell'economia domestica.

La situazione è invece migliorata nelle professioni dell'edilizia (muratori, carpentieri, installatori di impianti sanitari e montatori elettricisti), "in quanto è aumentato il numero di annunci di lavoro ed è leggermente diminuito quello dei candidati".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.