Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il direttore di Caritas Svizzera Hugo Fasel.

KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER

(sda-ats)

A un mese dal deposito delle firme dell'iniziativa dell'UDC "Diritto svizzero invece di giudici stranieri", Caritas lancia la campagna contro questo testo. L'associazione ha presentato un documento per dimostrare l'importanza dei diritti fondamentali.

"Per chi vive in Svizzera, il rispetto dei diritti umani fa parte della realtà quotidiana, anzi, è un'evidenza assoluta", ha dichiarato il direttore di Caritas Svizzera Hugo Fasel davanti ai media a Berna. Ma quando qualcosa è evidente, si rischia di dimenticare quanto sia importante, ha aggiunto.

L'associazione intende quindi "riportare l'evidenza in primo piano". Si tratta di scuotere la popolazione e spingere altre organizzazioni della società civile a battersi a favore dei diritti fondamentali per contrastare l'attacco frontale dell'UDC. Caritas spera che queste questioni superino gli argomenti giuridici e diventino un dibattito politico.

L'iniziativa UDC, che ha raccolto 116'428 firme valide, vuole introdurre il primato del diritto nazionale su quello internazionale. Chiede inoltre che il Tribunale federale tenga conto solo dei trattati internazionali che sono stati sottoposti a referendum. Il testo metterebbe in pericolo l'adesione della Svizzera alla Convenzione europea dei diritti umani (CEDU).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS