Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Hugo Fasel, il direttore di Caritas Svizzera, oggi davanti ai media.

KEYSTONE/LUKAS LEHMANN

(sda-ats)

La guerra in Siria dura ormai da sei anni e Caritas svizzera ritiene sia giunto il momento di rivalutare la situazione. L'ong auspica in particolare che la Confederazione aumenti il suo aiuto, portandolo da 40 a 100 milioni di franchi all'anno.

"Dal 2011, la Svizzera ha devoluto 250 milioni di franchi di aiuti umanitari in favore dei siriani sfollati in seguito alla guerra", ha ricordato Hugo Fasel, direttore di Caritas Svizzera oggi a Berna durante una conferenza stampa. "Su scala internazionale è molto, ma è insufficiente vista l'ampiezza del disastro umanitario", ha affermato.

L'aumentato importo dovrà principalmente essere destinato a programmi di scolarizzazione e di formazione per bambini e adolescenti, ha precisato. "La Svizzera può così contribuire ad evitare che in Medio Oriente cresca una nuova generazione perduta".

Se il presidente siriano Bashar al-Assad resterà al potere ancora per anni, per i rifugiati nei Paesi vicini alla Siria sarà impossibile ritornare in patria, ha rilevato oggi Caritas Svizzera. Il suo direttore auspica per questo un cambiamento della politica dei rifugiati in Svizzera, in particolare per quanto riguarda le misure d'integrazione, che vanno rinforzate.

Fasel ritiene necessario anche informare meglio l'opinione pubblica, perché, "tacere è un comportamento inammissibile". L'osservazione è tra l'altro indirizzata al Dipartimento degli affari esteri e alla Direzione dello sviluppo e della cooperazione "che devono informare su quanto avviene sul posto".

Quantificando le conseguenze della guerra, Anja Ebnöther, responsabile della Cooperazione internazionale di Caritas, ha in particolare ricordato che cinque milioni di siriani sono fuggiti e hanno trovato rifugio nei Paesi vicini. "I programmi d'aiuto sono costantemente adattati in funzione dei bisogni. Dall'inizio del conflitto, per i nostri progetti di aiuto alle vittime abbiamo devoluto oltre 34 milioni di franchi", ha precisato.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS