Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un laboratorio bernese ha trovato carne di maiale in sette campioni su 20 di döner kebab venduti in Svizzera. La quantità è minima ma il Consiglio Centrale Islamico della Svizzera (CCIS/IZRS), che ha commissionato i test, si dice comunque "scioccato".

Il CCIS aveva prelevato la settimana scorsa i campioni in 20 spacci ben frequentati di döner kebab (o kebap) - la carne cotta su uno spiedo verticale rotante tipica della cucina turca - di nove città svizzere. La carne suina è stata trovata in kebab venduti a Berna, Bienne, Lucerna, Ginevra, Kreuzlingen e Winterthur, tuttavia in proporzioni sempre inferiori allo 0,1%.

Ad allarmare il CCIS erano state notizie provenienti dalla Germania: l'emittente televisiva tedesca RTL aveva indicato di aver fatto analizzare campioni di döner venduti in 20 spacci di Berlino e Lipsia e di aver trovato in tre di essi fino al 7% di carne di maiale. In un campione sarebbe stata trovata anche una quantità minima di carne di cavallo.

In una nota diramata oggi, l'organizzazione presieduta da Nicolas Blancho dice che sospettava da tempo che i döner kebab venduti in Svizzera non fossero completamente privi di carne suina, vietata ai musulmani.

Il CCIS non ritiene che si tratti di contaminazione causata coscientemente da malintenzionati, quanto piuttosto di resti di maiale finiti accidentalmente nei döner a causa dell'utilizzo degli stessi strumenti nella preparazione di prodotti diversi. Ciò nonostante, "è semplicemente una porcheria", si lamenta Blancho citato nella nota.

In nessun caso - afferma il presidente del CCIS - carne suina deve finire in prodotti definiti "halal", ossia "leciti" per i musulmani, come era stato il caso per i kebab acquistati dai militanti dell'organizzazione islamica.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS