Carte di credito, forti le differenze di costo

Quale scegliere? È un rompicapo. KEYSTONE/OBS/BONUS.CH S.A. sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 luglio 2020 - 10:00
(Keystone-ATS)

Le differenze di costo fra la numerose carte di credito in circolazione in Svizzera rimangono molto elevate, specie riguardo al loro uso all'estero: lo rileva uno studio effettuato da Moneyland.

In un comunicato il servizio di confronti internet ricorda che ora sono disponibili anche carte alternative di neo-banche come Transferwise, Neon o Revolut, più economiche oltre frontiera. Tuttavia questi mezzi di pagamento non sono accettati dai commercianti con la stessa frequenza delle normali carte di credito: ecco perché una carta classica è ancora utile quando si viaggia.

Moneyland ha quindi analizzato tutti i costi di 163 carte svizzere su un arco di due anni, determinando anche il corso di cambio dell'euro in 15 giorni campione. Risultato: gli utenti occasionali possono risparmiare quasi 550 franchi in due anni se passano dalla carta di credito più costosa a quella più economica (sono escluse le carte platino), mentre per i clienti abituali il minor onere può addirittura raggiungere 1150 franchi.

Per chi usa poco le carte la più economica risulta la Cashback American Express di Swisscard (costo -12,90 franchi grazie all'accredito di rimborso del fatturato) seguita dalla Coop Supercard Mastercard/Visa (45,50 franchi), dalla Migros Cumulus-Mastercard (48,55 franchi) e da Cashback Visa/Mastercard di Swisscard (77,55 franchi). Tutte queste sono cosiddette carte "gratuite", cioè senza spese annuali.

Per gli utenti abituali al primo posto si classifica Cashback American Express di Swisscard (319,50 franchi), seguita dalla carta multi-valuta Silver di Swissquote (366,05) dalla TCS Travel Mastercard Gold (Cembra Money Bank, 424,15) e dalla carta multi-valuta Gold di Swissquote (466,05).

"Scegliendo la carta di credito giusta, i titolari possono rapidamente risparmiare diverse centinaia di franchi all'anno", afferma Benjamin Manz, direttore di Moneyland, citato nel comunicato. La classifica delle offerte più a buon mercato può comunque variare a seconda dell'utilizzo personale: si consiglia quindi un confronto individuale.

Condividi questo articolo