Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli svizzeri si confermano poco inclini a usare la carta di credito nei modi in cui viene utilizzata in altri paesi.

Stando a un sondaggio di Comparis.ch, come metodo di pagamento è infatti solo al terzo posto delle preferenze (17%), dopo le carte di debito quali Maestro o Postcard (44%) e i contanti (37%).

A sorpresa emerge che il 59% degli oltre 1300 interpellati nell'ambito del rilevamento rappresentativo ricorre alla propria carta di credito per prelevare contanti agli sportelli bancomat. "Dati i costi elevati che ne insorgono, è assolutamente sconsigliabile", avverte Marc Parmentier, esperto del settore bancario presso Comparis.ch. "Prelevare contanti con la carta di debito è notevolmente più conveniente".

In base ai risultati del sondaggio il servizio di confronto internet ha creato sei profili degli utenti. Il 12% degli intervistati rientra tra i "maniaci", ovvero coloro che usano la carta di solito o sempre in tutti i campi. Il gruppo più consistente, con una quota del 36%, è quello degli utenti "quotidiani", cioè chi vi ricorre di solito o sempre per gli acquisti di tutti i giorni ad esempio al supermercato e meno spesso per altri acquisti.

Il 24% è stato classificato nella categoria degli utenti "occasionali", mentre gli utenti "sporadici", pari al 14%, hanno la carta di credito per le emergenze. Per il 10% degli utenti "solo online" la carta di credito viene estratta quasi esclusivamente per lo shopping su internet e solo di rado per pagare alla cassa di negozi. I "viaggiatori" (4%) utilizzano la loro carta principalmente all'estero e solo in rare occasioni in Svizzera.

I clienti sono soddisfatti delle società che emettono le loro carte di credito. Tutti i 15 offerenti ottengono voti buoni, che vanno dal 5,3 di Cembra Money Bank al 5,0 di FFS.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS