Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Giro d'affari in calo nel 2015 per i casinò svizzeri, che vedono scendere i ricavi per l'ottavo anno consecutivo: i proventi si sono attestati a 681 milioni di franchi, il 4% in meno del 2014.

Dal 2007 i volumi si sono contratti del 33% e le imposte pagate all'AVS e ai cantoni sono diminuite del 40%, ha indicato oggi la Federazione svizzera dei casinò.

Stando all'organizzazione le case da gioco perdono quota di mercato a vantaggio dei casinò esteri su internet, dei club illegali in Svizzera e delle nuove sale da gioco vicine al confine elvetico.

L'associazione guidata dal presidente PPD Christophe Darbellay chiede quindi al parlamento di tenere conto di questi sviluppi nella nuova legge sui giochi in denaro. L'acceso a siti internet stranieri deve essere bloccato con urgenza, non bisognerà permettere ai locali di finanziarsi organizzando tutte le sere partite di poker e si dovrà fare in modo che i casinò possano vendere scommesse sportive e prodotti delle lotterie di Swisslos e della Loterie Romande, come fanno da lungo tempo anche i chioschi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS