Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La corte d'appello di Parigi ha condannato oggi l'uomo d'affari, Bernard Tapie, a restituire i 404 milioni di euro intascati nel quadro dell'arbitrato a suo favore che nel 2010 chiuse il contenzioso tra di lui e la banca Credit Lyonnais sulla vendita di Adidas.

Già a febbraio i giudici francesi annullarono quella controversa sentenza arbitrale che favorì l'imprenditore considerato vicino all'allora presidente Nicolas Sarkozy. La vicenda assunse una rilevanza internazionale quando i giudici iniziarono a indagare sulla decisione, presa dall'allora ministro dell'Economia e attuale direttore del Fmi, Christine Lagarde, di rinunciare alla giustizia ordinaria per passare a un tribunale arbitrale. Per Lagarde il pubblico ministero ha richiesto l'archiviazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS