Navigation

Caso Caruana: via a inchiesta pubblica, famiglia accusa

I famigliari della giornalista assassinata. KEYSTONE/EPA ANA-MPA/DIMITRIS TOSIDIS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 dicembre 2019 - 13:56
(Keystone-ATS)

A Malta il marito Peter ed il figlio Matthew hanno aperto con le loro testimonianze la prima udienza della commissione d'inchiesta pubblica e indipendente sull'omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia.

La commissione è stata nominata in estate dal premier Joseph Muscat su pressione del Consiglio d'Europa e solo dopo molti mesi di resistenza. La composizione dei membri è stata modificata e ha avuto il placito della famiglia.

Gli anni di calvario di Daphne prima dell'autobomba che la uccise il 16 ottobre 2017, tutte le pressioni, le minacce, la controinformazione, l'odio montante tra i maltesi, i primi 'avvertimenti', il cane avvelenato: tutto è stato ricostruito nelle parole del vedovo Peter, avvocato e guida del collegio di difesa.

Il figlio Matthew ha invece lanciato un'accusa diretta alla polizia maltese ed al suo capo che tolse la scorta a Daphne: "Ha lasciato Keith Schembri (l'ex braccio destro di Muscat) libero di far deragliare l'inchiesta inquinando le prove e insabbiando il crimine".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.