Navigation

Caso Gheddafi: Tripoli a Usa, attenti a interessi petroliferi

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 marzo 2010 - 16:51
(Keystone-ATS)

TRIPOLI - La compagnia petrolifera di Stato libica Noc ha convocato i dirigenti delle imprese americane operanti in Libia nel settore degli idrocarburi per avvertirli che le ironie Usa sul colonnello Muammar Gheddafi potrebbero avere "un impatto negativo" sugli interessi americani in Libia.
In una dichiarazione diffusa oggi, la compagnia libica Noc ha reso noto di aver convocato i rappresentanti in Libia delle società americane Exxon Mobil, ConocoPhillips, Occidental e Marathon per protestare circa il commento ironico rivolto dal portavoce del Dipartimento di Stato Usa nei confronti di Gheddafi.
Venerdì scorso il portavoce Usa, Philip Crowley, aveva ironizzato sull'appello alla 'guerra Santa' contro la Svizzera lanciato nei giorni scorsi dal leader libico.
Già ieri Tripoli aveva protestato ufficialmente con gli Stati Uniti, convocando al ministero degli Esteri libico l'incaricato d'affari dell'ambasciata Usa e minacciando "ripercussioni negative sulle relazioni economiche e politiche tra i due Paesi" se non fossero arrivate le scuse di Washington.
Nella serata di ieri lo stesso Crowley ha chiarito di non aver voluto attaccare il colonnello Gheddafi, evitando tuttavia di scusarsi così come aveva chiesto Tripoli.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?