Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Casse malattia: Comparis prevede aumento premi del 2%

I premi delle casse malattia aumenteranno circa del 2% l'anno prossimo, contro l'1,5% di quest'anno, secondo un sondaggio di Comparis realizzato fra i principali assicuratori. La società di confronto online imputa l'incremento all'introduzione dei forfait per caso sanitario negli ospedali.

Il nuovo sistema ospedaliero, entrato in funzione nel 2012, avrebbe dovuto creare concorrenza, ma questa non si è verificata, ha comunicato oggi Comparis.ch. I costi non sono quindi diminuiti, ma nel primo trimestre 2013 sono addirittura aumentati.

Un altro fatto che ha determinato l'aumento dei premi è il prezzo dei nuovi medicamenti immessi sul mercato.

Per il calcolo dei premi, Comparis ha effettuato una ricerca presso le maggiori casse malattia, che assicurano circa il 70% della popolazione svizzera. Ha anche analizzato l'evoluzione dei costi di medici, ospedali e medicinali, oltre che delle nuove prestazioni obbligatorie.

L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) lo scorso settembre aveva previsto per quest'anno un incremento medio dell'1,5%, ovvero il secondo incremento più basso dall'introduzione dell'attuale sistema assicurativo nel 1996. Secondo le statistiche, il 2% è un incremento moderato, viste le impennate del 6,5% nel 2011 e dell'8,7% nel 2010.

H+ non è d'accordo

L'organizzazione degli ospedali svizzeri H+ non concorda con l'analisi effettuata da Comparis. "Il primo trimestre del 2013 non può essere paragonato a quello dell'anno precedente", ha dichiarato all'ats la portavoce Dorit Djelid. Visto che il forfait per caso è stato introdotto ad inizio 2012, la fatturazione è stata portata al terzo trimestre in diverse strutture ospedaliere.

Il nuovo sistema non può dunque essere considerato il principale responsabile dell'aumento dei premi, ha concluso la portavoce.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.