Navigation

Casse malattia, restituzione eccedenze ai cantoni

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 aprile 2011 - 15:39
(Keystone-ATS)

Il Consiglio federale vuole modificare la Legge federale sull'assicurazione malattie (LaMal) per intervenire sulla questione dell'eccedenza dei premi pagati da alcuni cantoni. Otto cantoni beneficeranno di un "rimborso", tra cui il Ticino.

La soluzione proposta dal Dipartimento federale dell'interno (DFI) dovrebbe portare a un riequilibrio pari a un miliardo di franchi.

Come già annunciato dal ministro della sanità Didier Burkhalter, i versamenti verranno effettuati tramite il canale già esistente della restituzione alla popolazione dei proventi delle tasse sulle componenti organiche volatili (COV) e sulle emissioni di CO2.

Un supplemento annuale dei premi potrà invece essere richiesto agli assicurati dei cantoni che avranno accumulato un deficit (riserve troppo basse). Questo aumento non dovrà però superare la riduzione dei premi ottenuta grazie alla ridistribuzione del gettito della tassa sul CO2. Per esempio: per un premio base di 100 franchi, se il ribasso legato alla restituzione delle tasse sarà di 10 franchi, il supplemento non potrà superare i 10 franchi, ha spiegato Burkhalter ai media a Berna.

Il sistema previsto resterà in vigore per sei anni. Per il calcolo dei cantoni che saranno soggetti a rimborsi o supplementi, il governo prenderà in considerazione le riserve "calcolatorie" delle casse malattia cantonali, ovvero le differenze fra i costi reali e i premi effettivamente pagati.

Il Dipartimento di Burkhalter dovrà elaborare un progetto concreto di revisione della LAMal, che sarà messo in consultazione questa estate. Il consigliere federale aveva inoltrato un'alternativa al governo, che è però stata respinta in quanto richiedeva una modifica della Costituzione e tempi di attuazione più lunghi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?