Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le casse pensioni in Svizzera hanno registrato nel 2016 performace stabili (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/PETRA OROSZ

(sda-ats)

Le casse pensioni in Svizzera hanno registrato nel 2016 performace stabili nonostante il basso livello dei tassi d'interesse.

È quanto risulta da uno studio di Swisscanto, società di servizi d'investimento e di previdenza delle banche cantonali, presentato oggi a Zurigo.

Gli istituti del secondo pilastro hanno realizzato l'anno scorso un rendimento medio del 3,6% rispetto al deludente 1,1% del 2015, sottolinea Swisscanto in un comunicato.

Il tasso di copertura medio degli istituti considerati è rimasto stabile: presso le casse private è sceso in un anno dal 110,4% al 109,7%, mentre presso quelle pubbliche è salito dal 92% al 94,6%. Per quanto riguarda gli investimenti, gli istituti di previdenza hanno rischiato leggermente di più. La quota di azioni e investimenti immobiliari è progredita di 0,6 punti percentuali a rispettivamente il 30,7% e 22,5%. È cresciuta dal 6,1% al 6,3% anche la quota degli investimenti alternativi, ciò che ha interessato soprattutto le grandi casse.

A livello di prestazioni, le casse hanno ridotto sia il tasso di interesse tecnico che l'aliquota di conversione. Il tasso d'interesse tecnico, la cui evoluzione è al ribasso negli ultimi 10 anni, si situa attualmente in media al 2,19% per le casse private (2,47% nel 2015) e al 2,55% per le casse pubbliche (2,74% nel 2015). I valori nel 2007 erano ancora al 3,51% per le casse private e al 3,69% per quelle pubbliche. L'aliquota di conversione continua a scendere e mediamente è ora del 6%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS