Tutte le notizie in breve

Le casse pensioni in Svizzera hanno registrato nel 2016 performace stabili (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/PETRA OROSZ

(sda-ats)

Le casse pensioni in Svizzera hanno registrato nel 2016 performace stabili nonostante il basso livello dei tassi d'interesse.

È quanto risulta da uno studio di Swisscanto, società di servizi d'investimento e di previdenza delle banche cantonali, presentato oggi a Zurigo.

Gli istituti del secondo pilastro hanno realizzato l'anno scorso un rendimento medio del 3,6% rispetto al deludente 1,1% del 2015, sottolinea Swisscanto in un comunicato.

Il tasso di copertura medio degli istituti considerati è rimasto stabile: presso le casse private è sceso in un anno dal 110,4% al 109,7%, mentre presso quelle pubbliche è salito dal 92% al 94,6%. Per quanto riguarda gli investimenti, gli istituti di previdenza hanno rischiato leggermente di più. La quota di azioni e investimenti immobiliari è progredita di 0,6 punti percentuali a rispettivamente il 30,7% e 22,5%. È cresciuta dal 6,1% al 6,3% anche la quota degli investimenti alternativi, ciò che ha interessato soprattutto le grandi casse.

A livello di prestazioni, le casse hanno ridotto sia il tasso di interesse tecnico che l'aliquota di conversione. Il tasso d'interesse tecnico, la cui evoluzione è al ribasso negli ultimi 10 anni, si situa attualmente in media al 2,19% per le casse private (2,47% nel 2015) e al 2,55% per le casse pubbliche (2,74% nel 2015). I valori nel 2007 erano ancora al 3,51% per le casse private e al 3,69% per quelle pubbliche. L'aliquota di conversione continua a scendere e mediamente è ora del 6%.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve