Navigation

Casse pensioni hanno digerito bene la Brexit, lo dice UBS

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 agosto 2016 - 10:05
(Keystone-ATS)

Le casse pensioni elvetiche hanno digerito più rapidamente del previsto l'esito del referendum inglese sulla Brexit: lo affermano gli economisti di UBS, che per il mese di luglio stimano all'1,11% il rendimento degli istituti di previdenza.

Grazie al buon andamento del mese dedicato a Cesare la performance annuale ha superato la barra del 2%, attestandosi al 2,34%, ha indicato oggi la banca. Gli specialisti di UBS hanno peraltro corretto lievemente al rialzo i dati relativi a maggio (da +1,20% a +1,21%) e giugno (da -0,26% a -0,24%).

Per quanto riguarda il mese di luglio le casse con patrimoni amministrati inferiori a 300 milioni hanno presentato i rendimenti migliori (+1,19%), mentre quelli più bassi sono stati osservati dagli istituti che gestiscono fra 300 milioni e 1 miliardo di franchi (+1,03%). Rispetto al mese precedente è peraltro diminuito lo scarto fra i due estremi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo