Navigation

Cassis chiede standard protezione dati umanitari

Ignazio Cassis alla Conferenza della Croce rossa e della Mezzaluna rossa KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 dicembre 2019 - 18:13
(Keystone-ATS)

La Svizzera chiede che vengano fissati "standard" per la protezione dei dati delle persone che beneficiano dell'aiuto umanitario in modo da evitare che vengano usati per altri scopi.

Aprendo la Conferenza della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, oggi a Ginevra, Ignazio Cassis ha invitato al dialogo e all'innovazione per promuovere l'azione umanitaria.

Le nuove tecnologie consentono di "fare di più e meglio per sostenere le persone colpite da conflitti e catastrofi", ha dichiarato il consigliere federale. Esiste però il rischio che i dati dei beneficiari dell'assistenza umanitaria vengano utilizzati con altre finalità.

Fra i sei progetti di risoluzione che saranno in discussione, uno chiede di garantire la protezione nel contesto del ripristino dei legami familiari. I Paesi dovrebbero riconoscere che tali dati personali possono essere utilizzati solo per scopi umanitari e non per controlli alle frontiere o altro. Gli stati firmatari delle Convenzioni di Ginevra dovrebbero inoltre impegnarsi a non esigere l'accesso a tali informazioni.

La conferenza - che riunisce il Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR), i membri della Federazione internazionale delle Società nazionali della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (FICR) e gli Stati firmatari delle Convenzioni di Ginevra - è un'opportunità per "fissare gli standard" essenziali per garantire la fiducia nelle organizzazioni umanitarie, ha detto Cassis.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.