Navigation

Cassis incontra ministri tedescofoni a Kreuzlingen

Il consigliere federale Ignazio Cassis all'incontro di oggi a Kreuzlingen (TG) KEYSTONE/GIAN EHRENZELLER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 17 giugno 2020 - 15:20
(Keystone-ATS)

Incontro con i ministri degli esteri e rappresentanti dei Paesi tedescofoni oggi a Kreuzlingen (TG) per il consigliere federale Ignazio Cassis.

Quest'ultimo ne ha approfittato per sottolineare l'importanza della riapertura delle frontiere e la collaborazione durante la crisi del coronavirus.

Ai colloqui, in cui si è parlato anche di temi di politica europea, erano presenti il ministro degli esteri austriaco Alexander Schallenberg, la ministra degli esteri del Liechtenstein Katrin Eggenberger, il vice primo ministro del Baden-Württemberg (D) Thomas Strobl e i rappresentanti della Conferenza internazionale del Lago di Costanza Günther Eberle, direttore del Landesamt di Vorarlberg, e Walter Schönholzer, presidente del Governo turgoviese, indica una nota odierna del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Dopo l'incontro di ieri tra il capo della diplomazia elvetica Cassis e il suo omologo italiano Luigi Di Maio, svoltosi nel Mendrisiotto, oggi i colloqui di lavoro sono proseguiti nella zona di frontiera con la Germania, l'Austria e il Liechtenstein. Il capo del DFAE ha ribadito "la buona e pragmatica collaborazione tra i quattro Paesi durante la crisi, in particolare per quanto riguarda il sostegno reciproco durante le operazioni di rimpatrio di viaggiatori e la gestione della circolazione di persone e merci alle frontiere", precisa la nota.

Frontiere aperte

"La crisi ha dimostrato l'importanza delle frontiere aperte, non solo per l'economia, ma anche per le persone. La libera circolazione tra i Paesi è fondamentale", senza dimenticare il valore delle regioni di confine, ha affermato il consigliere federale Cassis citato nel comunicato. Il capo del DFAE e i suoi interlocutori hanno inoltre ribadito l'importanza delle misure igieniche e di protezione adottate per contrastare la pandemia e tuttora valide.

Dal punto di vista economico, per la Svizzera le relazioni con le regioni confinanti rivestono una grande importanza. Con un volume di scambi pari a 35 miliardi di franchi, il Baden-Württemberg è il settimo partner commerciale della Confederazione. Anche l'interscambio commerciale con le regioni austriache Tirolo e Vorarlberg è significativo e ammonta a sei miliardi di franchi.

Buone relazioni

Durante l'incontro si è discusso anche di argomenti di politica europea e internazionali. Cassis ha informato i suoi interlocutori sullo stato del dossier UE, evidenziando l'importanza della cooperazione pragmatica durante la crisi del COVID-19 per la futura collaborazione tra la Svizzera, l'Unione europea e i suoi Stati membri.

Dopo gli incontri al confine con l'Italia ieri e con Germania, l'Austria e Liechtenstein oggi, il 26 giugno il consigliere federale Cassis si recherà anche nella regione di frontiera con la Francia.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.