Navigation

Catalogna: manifestanti in piazza, violenze

I manifestanti per le vie di Barcellona KEYSTONE/EPA EFE/TONI ALBIR sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 ottobre 2019 - 21:51
(Keystone-ATS)

"Libertà per i prigionieri politici". È uno degli slogan principali che da questo pomeriggio stanno intonando decine di migliaia di manifestanti in piazza a Barcellona per protestare contro le condanne dei leader indipendentisti a Madrid.

Dopo momenti di grande tensione, con i manifestanti che urlavano slogan e lanciavano oggetti contro la polizia, gli agenti hanno caricato la manifestazione indipendentista nella Via Laietana, al centro di Barcellona. Lo scrive La Vanguardia.

I Mossos D'Esquadra, la polizia catalana, ha invitato su twitter i cittadini a non avvicinarsi alla zona, dove prosegue il lancio di oggetti contundenti contro gli agenti.

Almeno 350'000 persone, secondo le cifre generalmente al ribasso fornite dalla polizia locale, sono scese in piazza al grido "libertà per i prigionieri politici". Non c'era finora stato alcun incidenti.

Secondo i media locali, in 10'000 circa si sono radunati in serata nella Via Laietana, dove si trova il comando della polizia nazionale a Barcellona, e dove sono avvenuti gli scontri.

Il bersaglio dei manifestanti è l'Alta corte di Madrid, che 16 giorni fa ha condannato nove leader indipendentisti, rei di aver promosso il referendum secessionista del 2017, a pene tra i 9 e i 13 anni di carcere. Con il risultato di un'ondata di proteste, costate finora circa seicento feriti e decine di arresti, dopo l'infiltrazione di gruppi violenti nei cortei pacifici.

Il nuovo corteo, che si è snodato lungo Carrer de la Marina, una delle strade più lunghe della città, è scivolato via senza incidenti. "Nessuna violenza ci rappresenta", hanno tenuto a sottolineare gli organizzatori dell'adunata, l'Assemblea Nazionale Catalana e dall'associazione Omnium Cultural, che hanno richiamato oltre 100 sigle di organizzazioni della società civile, culturali, economiche, sindacali. Altrettanto chiaro è stato il messaggio politico: "I nostri leader sono stati detenuti ingiustamente e nessuna sentenza cambierà i nostri obiettivi": ossia, l'indipendenza della Catalogna. E "noi andremo avanti fin dove i catalani vorranno", ha sottolineato il presidente della Generalitat Joaquim Torra, che alcune settimane fa aveva annunciato l'intenzione di organizzare un nuovo referendum secessionista entro due anni.

Torra, prima della manifestazione, ha cercato di serrare le fila del movimento incontrando i sindaci di oltre 800 comuni. Ai primi cittadini il leader catalano ha assicurato che "l'autodeterminazione è una strada senza ritorno" ed ha fatto un appello all'unità: un appello quanto mai necessario, tanto più che alla sua riunione non hanno partecipato i sindaci delle cinque città più grandi della Catalogna, che rappresentano un terzo della popolazione. Mancava all'appello anche la sindaca di Barcellona, Ada Colau, a cui Torra ha rimproverato una posizione troppo morbida, ancorata al dialogo a tutti i costi con Madrid.

Alla Moncloa, per ora, la porta del confronto con le autorità catalane resta chiusa. Lo ha ribadito la vicepremier Carmen Calvo, ricordando che "il governo ha incontrato gli esponenti della Generalitat in diverse occasioni, ma li ha avvertiti che parlare di diritto all'autodeterminazione è una cosa che non esiste". E probabilmente a Madrid si confida anche nella parte della Catalogna che di indipendenza non vuol sentir parlare. E che domani ha in programma una contro-manifestazione unionista, sempre a Barcellona.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.