Catalogna: tutto il Governo si impegna a fare referendum

 Tutte le notizie in breve

Il presidente del governo regionale catalano Carles Puigdemont

Keystone/EPA EFE/QUIQUE GARCIA

(sda-ats)

Tutti i membri del governo catalano si sono impegnati oggi, in un atto solenne cui ha partecipato il presidente Carles Puigdemont, a "organizzare, convocare e celebrare" un referendum sulla autodeterminazione, nonostante la dura opposizione dello stato spagnolo.

In un documento comune, controfirmato da 100 esponenti della vita politica e culturale catalana, i membri del governo di Barcellona hanno definito la tenuta di un referendum sulla indipendenza come "un diritto inalienabile" la cui "legittimità" è fondata sulla "volontà maggioritaria dei cittadini catalani".

Puigdemont ha promesso di convocare entro fine settembre un referendum sulla indipendenza, che il premier spagnolo Mariano Rajoy ha definito "illegale" e "incostituzionale", minacciando di impedirlo se necessario con la forza.

"Tutti e ognuno i membri di questo governo ci dichiariamo responsabili" del referendum, "di realizzarlo e applicarne i risultati" affermano nel documento i ministri catalani. Il governo di Barcellona è formato da esponenti del Partito democratico catalano di Puigdemont e della Sinistra repubblicana catalana (Erc) del vicepresidente Oriol Junqueras, con l'appoggio esterno degli indipendentisti antisistema della Cup. I tre partiti hanno la maggioranza assoluta nel parlamento di Barcellona.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve