Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente del governo regionale catalano Carles Puigdemont

Keystone/EPA EFE/QUIQUE GARCIA

(sda-ats)

Tutti i membri del governo catalano si sono impegnati oggi, in un atto solenne cui ha partecipato il presidente Carles Puigdemont, a "organizzare, convocare e celebrare" un referendum sulla autodeterminazione, nonostante la dura opposizione dello stato spagnolo.

In un documento comune, controfirmato da 100 esponenti della vita politica e culturale catalana, i membri del governo di Barcellona hanno definito la tenuta di un referendum sulla indipendenza come "un diritto inalienabile" la cui "legittimità" è fondata sulla "volontà maggioritaria dei cittadini catalani".

Puigdemont ha promesso di convocare entro fine settembre un referendum sulla indipendenza, che il premier spagnolo Mariano Rajoy ha definito "illegale" e "incostituzionale", minacciando di impedirlo se necessario con la forza.

"Tutti e ognuno i membri di questo governo ci dichiariamo responsabili" del referendum, "di realizzarlo e applicarne i risultati" affermano nel documento i ministri catalani. Il governo di Barcellona è formato da esponenti del Partito democratico catalano di Puigdemont e della Sinistra repubblicana catalana (Erc) del vicepresidente Oriol Junqueras, con l'appoggio esterno degli indipendentisti antisistema della Cup. I tre partiti hanno la maggioranza assoluta nel parlamento di Barcellona.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS