Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La distruzione dopo il terremoto dell'anno scorso ad Amatrice, nel centro Italia (foto simbolica)

Keystone/EPA ANSA/MASSIMO PERCOSSI

(sda-ats)

Sono nettamente aumentati nel 2016 i danni provocati a livello mondiale dalle catastrofi: terremoti, tempeste, inondazioni, incendi di boschi e disastri causati dall'uomo sono stati all'origine di perdite economiche per 175 miliardi di dollari.

Si tratta di quasi il doppio dei 94 miliardi registrati l'anno precedente.

Il dato è il più alto dal 2012 e mette fine a una tendenza al ribasso durata quattro anni, ha indicato oggi la compagnia di riassicurazione Swiss Re nel suo tradizionale studio Sigma. Gli assicuratori hanno coperto i danni nella misura di 54 miliardi di dollari, con un aumento del 42% su base annua.

La forte crescita va comunque relativizzata: sia le perdite economiche totali che quelle assicurate sono vicine alla media degli ultimi due anni, spiega l'economista capo di Swiss Re Kurt Karl.

Il quadro cambia inoltre radicalmente se si conteggiano le vittime. Nel periodo in rassegna vi sono stati 11'000 morti o dispersi, contro i 26'000 del 2015. L'evento più micidiale è stato l'uragano Matthew, che ha causato 700 morti, soprattutto a Haiti.

Nel dettaglio, le 191 catastrofi naturali censite dallo studio hanno provocato danni per 166 miliardi (88 nel 2015). I disastri di origine umana hanno invece avuto un onere di 9 miliardi (12).

L'aumento generale dei costi per gli assicuratori si spiega con il fatto che le catastrofi sono state più numerose e hanno interessato regioni meglio coperte dalle polizze. La metà della fattura è a carico del Nordamerica, interessata da un numero record di tempeste, dalla grandine in Texas e dagli incendi di foreste in Canada. In Europa hanno colpito le inondazioni. Ma l'evento più oneroso per le compagnie è stato il terremoto che ha scosso in aprile il Giappone (25-30 miliardi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS