Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Si sono aperte ufficialmente le celebrazioni della Pasqua a Gerusalemme e in Cisgiordania con la Domenica delle Palme, occasione che marca - secondo la tradizione cristiana - l'entrata trionfale di Gesù nella città santa. Processioni si sono svolte a Ramallah, Betlemme, Taybeh e nelle altre città cristiane dei Territori.

A Gerusalemme la processione di fedeli è partita dal Monte degli Ulivi verso le mura della città vecchia, ripercorrendo simbolicamente il tragitto del Nazareno. I fedeli cristiani - cattolici, protestanti e ortodossi - hanno esposto rami di ulivo e di palma all'esterno delle loro abitazioni. Quest'anno la Pasqua verrà celebrata lo stesso giorno sia da ortodossi sia dai cattolici, e già l'afflusso di pellegrini da tutto il mondo ha fatto registrare il tutto esaurito negli hotel di Gerusalemme, Betlemme e Nazareth. Non sono mancate però le polemiche da parte delle comunità cristiane palestinesi, che hanno lamentato le difficoltà di raggiungere i luoghi di culto a Gerusalemme a causa delle restrizioni delle autorità israeliane. Nabil Shaat membro dell'esecutivo dell'Olp - che oggi ha preso parte alla processione a Gerusalemme - ha detto che "non è concepibile che i palestinesi cristiani e musulmani non possano raggiungere Gerusalemme senza un permesso di Israele"

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS