Navigation

Cembra collabora con Ikea, lanciata carta di credito gratuita

Cembra si espande ulteriormente nel settore delle carte di credito. KEYSTONE/STEFFEN SCHMIDT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 ottobre 2020 - 10:20
(Keystone-ATS)

Cembra Money Bank e Ikea Svizzera hanno firmato un accordo di cooperazione per il lancio di una carta di credito gratuita e di altri prodotti di finanziamento.

Gli affiliati al programma Ikea Familiy potranno disporre di un mezzo di pagamento che permetterà loro di raccogliere punti fedeltà, poi riscattabili nei negozi della catena di arredamento, spiega Cembra in un comunicato odierno. La carta - che sarà per il 99% costituita da plastica riciclata: una prima in Svizzera, secondo la società finanziaria - sarà introdotta nel primo trimestre 2021. I clienti di Ikea potranno inoltre in futuro pagare i loro acquisti online anche con fattura, che sarà gestita da Swissbilling, una controllata di Cembra.

"In qualità di specialista nel finanziamento al consumo, abbiamo molta esperienza con le collaborazioni nel settore delle carte di credito", afferma il Ceo di Cembra, Robert Oudmayer, citato nella nota. "Ikea è un marchio leader nel commercio al dettaglio globale e siamo estremamente lieti di poter sviluppare una soluzione innovativa per loro".

Soddisfatta è anche Jessica Anderen, presidente della direzione di Ikea Svizzera. "Oltre a una carta cliente attraente, vogliamo offrire ai nostri clienti diverse opzioni di pagamento, che possono poi utilizzare in base alle loro esigenze", spiega nel comunicato.

Cembra è un istituto con sede a Zurigo e presente, fra l'altro, anche a Lugano e Coira, specializzato nei crediti al consumo, nel leasing e nelle carte di credito: sua è per esempio la carta legata al sistema Cumulus di Migros. Conta oltre 1 milione di clienti e più di 3000 dipendenti. Dal 2013 il gruppo è quotato alla borsa svizzera.

Ikea è presente dal 1973 in Svizzera, quando a Spreitenbach (ZH) ha aperto il suo primo negozio fuori dalla Scandinavia. Attualmente nella Confederazione gestisce una rete di nove punti vendita, fra cui quello di Grancia. Ha in organico circa 3000 persone e nell'esercizio 2019/2020, terminato a fine agosto, ha visto le vendite superare 1,1 miliardi, con una crescita annua dello 0,7% nonostante le otto settimane di lockdown legate alla pandemia di coronavirus.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.