Nelle cinque centrali atomiche svizzere si sono verificati l'anno scorso 34 eventi nucleari e radiologici con obbligo di segnalazione, cinque in più rispetto al 2017. Un evento registrato alla centrale di Leibstadt, in Argovia, ha raggiunto il livello 1 di "anomalia".

Tutti gli altri episodi sono invece stati di livello 0, ossia "senza conseguenze per la sicurezza", in base alla scala internazionale INES che va da 0 a 7. In una nota pubblicata oggi, l'Ispettorato federale della sicurezza nucleare (IFSN) afferma che gli impianti elvetici "sono stati in grado di garantire la protezione della popolazione dalle radiazione nel corso del 2018".

Stando al rapporto, l'evento di livello 1 registrato a Leibstadt ha "comportato la limitata disponibilità di sistemi di raffreddamento di emergenza". L'episodio si è verificato nella seconda metà di aprile, quando tre dei cinque sottosistemi di raffreddamento di emergenza non erano operativi o lo erano solo parzialmente.

La lista degli eventi con obbligo di segnalazione comprende 13 segnalazioni a testa per le centrali nucleari di Leibstadt e di Gösgen (SO), 4 alla centrale di Mühleberg (BE), 3 al reattore 1 di Beznau (AG) e uno al reattore 2 sempre a Beznau.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Come votano gli Svizzeri all'estero? Partecipa al sondaggio SSR !

Come votano gli Svizzeri all'estero? Partecipa al sondaggio SSR !

Come votano gli Svizzeri all'estero? Partecipa al sondaggio SSR !

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.