Navigation

Ceo Credit Suisse Thiam non deve dimettersi, dice grande azionista

La vicenda sta creando non pochi grattacapi al Ceo di Credit Suisse. KEYSTONE/AP/MARK LENNIHAN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 settembre 2019 - 09:25
(Keystone-ATS)

Un importante azionista di Credit Suisse corre in soccorso del presidente della direzione Tidjane Thiam, la cui posizione ai vertici dell'istituto sembra traballare in seguito alla vicenda dell'ex top manager che sarebbe stato pedinato.

Se il Ceo dovesse dimettersi sarebbe una perdita, sostiene la società d'investimento americana Harris Associates. "Supponendo che nessuna legge sia stata violata, il signor Thiam e il suo team hanno il nostro pieno sostegno", insiste David Herro. "Saremmo estremamente delusi se qualcuno, a causa di questa vicenda, dovesse perdere il posto di lavoro, fino a quando è stata rispettata la legge".

Il Ceo della banca "ha fatto un ottimo lavoro per rivitalizzare Credit Suisse: tutte le parti interessate sarebbero perdenti se lui e il suo team dovessero dimettersi", conclude il dirigente di Harris Associates, società che - stando alle più recenti comunicazioni borsistiche - detiene circa il 5% nell'istituto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.