Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una nuova particella, mai osservata finora e forse più pesante del bosone di Higgs, è stata 'intravista' in due esperimenti condotti nel più grande acceleratore del mondo, il Large Hadron Collider (Lhc) del Cern di Ginevra.

I segnali, rilevati dagli esperimenti Atlas e Cms, non possono essere considerati una scoperta: per un'eventuale conferma servono alti dati, che potranno essere raccolti a partire dalla primavera 2016.

Sono dati preliminari, riferiti dalla rivista Nature nel suo sito, presentati nei seminari organizzati a fine anno dal Cern. "Quello che vediamo è un piccolo eccesso locale, con una massa sei volte maggiore rispetto a quella del bosone di Higgs, ma potrebbe ancora essere una fluttuazione e non abbiamo ancora un'evidenza statistica sufficiente", ha detto la responsabile dell'esperimento Atlas per l'Italia, Marina Cobal, dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn). "Sicuramente - ha aggiunto - è qualcosa di interessante e da tenere sott'occhio".

Il funzionamento dell'Lhc all'energia da record di 13'000 miliardi di elettronvolt apre le porte a un territorio inesplorato della fisica. "Ormai siamo in una zona di frontiera nella quale nessuno sa che cosa troveremo", ha detto il fisico teorico Fabio Zwirner, della sezione di Padova dell'Infn. L'entusiasmo è già alle stelle: basti pensare che sono già una decina i lavori teorici che tentano le prime possibili spiegazioni dell'ipotetica nuova particella: "probabilmente andranno rivisti tra sei mesi - ha rilevato - ma sono il segnale dell'interesse che c'è per questa fisica di frontiera, che esplora i confini delle nostre conoscenze".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS