Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

PARIGI - Sul perché durante la fase Rem del sonno gli occhi si muovano sono state fatte molte teorie, talvolta fantasiose, come quella che il movimento servisse a riscaldare il cervello. Secondo uno studio pubblicato dalla rivista "Brain" invece la spiegazione è più semplice: l'occhio "guarda" le scene dei sogni, e le segue come se fossero vere.
I ricercatori dell'ospedale Pitié-Salpêtrière di Parigi sono giunti a questa conclusione studiando dei pazienti affetti da un particolare disordine del sonno Rem, che durante questa fase non avevano la temporanea paralisi che si ha normalmente, ma mimavano con il corpo i gesti fatti nel sogno.
"Questa patologia è una vera e propria finestra sui sogni - spiega Isabelle Arnulf, uno degli autori -: se questi soggetti sognano di calciare, saltare, colpire qualcosa automaticamente il loro corpo lo fa. È come avere i sottotitoli".
Cinquantasei soggetti affetti dal disturbo e 17 persone sane sono state monitorate durante il sonno, con i movimenti oculari registrati attraverso degli elettrodi e i comportamenti monitorati con delle telecamere.
Dopo aver visto che gli occhi si muovono allo stesso modo nei due gruppi, i ricercatori hanno confrontato i movimenti oculari con quelli corporei dei soggetti malati, verificando che nel 90% dei casi corrispondono: un soggetto che sognava di baciare una donna alla sua sinistra guardava effettivamente da quella parte, ad esempio, e uno che sognava di scalare una montagna muoveva gli occhi su e giù per verificare a che punto era.
L'idea, spiega l'articolo, è venuta ai ricercatori guardando il video di un ex fumatore che sognava di fumare una sigaretta con movimenti del tutto simili a quelli veri.

SDA-ATS