Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È stato appurato che alcuni resti ossei trovati a settembre dell'anno scorso ai piedi del ghiacciaio del Cervino, a un'altitudine di 2800 metri, appartengono a due alpinisti giapponesi dispersi dal 18 agosto del 1970.

Ciò è stato possibile grazie ad analisi del DNA, indica la polizia vallesana in una nota odierna.

La polizia cantonale ha una lista degli scomparsi fin dal 1925, principalmente in alta montagna o nei corsi d'acqua.

Sempre di più il ritiro dei ghiacciai permette di trovare corpi di alpinisti dispersi da diverse decine di anni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS