Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Confrontato alla pressione del parlamento riguardo al budget dell'esercito, il Consiglio federale ha finito per "cedere": ha deciso oggi di iscrivere una somma annuale di 5 miliardi di franchi nella pianificazione finanziaria, ha indicato il capo del Dipartimento federale della difesa (DDPS) Ueli Maurer durante la conferenza stampa dopo la seduta settimanale del governo.

Nel settembre 2011, le Camere federali hanno chiesto al Consiglio federale di aumentare il budget dell'esercito da 4,4 a 5 miliardi di franchi all'anno a partire dal 2014. Questa somma dovrebbe permettere di acquistare 22 aerei da combattimento Gripen ma anche di garantire un esercito di 100'000 uomini e l'equipaggiamento della truppa.

Finora l'esecutivo però non ha seguito il parlamento e ha previsto di attribuire alle forze armate in media 4,7 miliardi all'anno dal 2015. L'atteggiamento del governo ha però esasperato la destra.

Le due Camere sono dunque tornate a fare pressione con una mozione, la cui versione definitiva dovrebbe essere adottata nella prossima sessione. Vi è infatti ancora una divergenza relativa all'anno a partire dal quale i 5 miliardi debbano essere stanziati. Si profila il 2016.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS