Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Il Consiglio federale intende contribuire alla realizzazione della terza e ultima fase del progetto di ampliamento dell'Organizzazione mondiale del commercio (WTO) di Ginevra con un prestito di 40 milioni di franchi e un contributo a fondo perso di 10 milioni di franchi. Lo ha deciso oggi il governo che ha approvato un messaggio in tal senso all'indirizzo delle Camere federali.
Il progetto prevede l'ampliamento extra-muros del Centro William Rappard (CWR) in cui ha sede la WTO. L'obiettivo è di riunire progressivamente le attività dell'organizzazione internazionale sotto un unico tetto entro la fine del 2012 e di far fronte a lungo termine alla crescita dell'organico.
La terza e ultima tappa prevede in particolare l'ampliamento del CWR mediante la costruzione di un edificio annesso che ospiterà 300 postazioni di lavoro, la tipografia per la stampa dei documenti, il centro informatico, la biblioteca e una nuova caffetteria. Si intende inoltre realizzare un garage sotterraneo per 200 posti macchina, si legge in una nota odierna.
Il progetto è finanziato nell'ambito della politica elvetica di Stato ospite. Per le prime due fasi, le Camere federali hanno già approvato un contributo a fondo perso di 45 milioni franchi e un prestito di 20 milioni franchi, rimborsabile entro 50 anni.

SDA-ATS