Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio federale, nella sua prima seduta dopo la pausa estiva, su espressa richiesta delle Nazioni Unite, ha deciso di inviare fino a otto militari, in qualità di osservatori non armati, a sostegno della missione Onu in Mali. La Svizzera rafforza così il suo impegno nel paese africano, nell'ambito dell'aiuto umanitario nonché della politica di sviluppo e di pace.

Berna prende parte a MINUSMA, la Missione multidimensionale integrata delle Nazioni Unite in Mali (MINUSMA). Gli ufficiali superiori e gli esperti dell'esercito svizzero saranno impiegati nello sminamento umanitario e nell'eliminazione di proiettili inesplosi nonché nell'ambito della riforma del settore della sicurezza o eventualmente nel genio e nella logistica.

La richiesta dell'ONU - si legge in un comunicato del Dipartimento degli affari esteri - mostra come la Svizzera "venga apprezzata in veste di partner imparziale e competente anche in situazioni straordinarie e complesse".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS