Navigation

CF: agricoltura sostenuta, ma talune misure fiscali la svantaggiano

L'agricoltura è ben sostenuta in Svizzera, ma vi sono sforzi ancora possibile a livello fiscale KEYSTONE/DPA/CARSTEN REHDER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 05 giugno 2020 - 12:05
(Keystone-ATS)

Nonostante i pagamenti diretti e la protezione doganale, talune misure fiscali svantaggiano ancora l'agricoltura svizzera. È quanto emerge da un rapporto approvato oggi dal Consiglio federale in adempimento a un postulato del "senatore" Andrea Caroni (PLR/AR).

Nel documento si sottolinea che il settore primario è sostenuto con un'ampia gamma di misure. Gli strumenti principali sono i pagamenti diretti, per un importo annuale di 2,8 miliardi di franchi circa, e la protezione doganale, con un valore a livello dei prezzi alla produzione di 3,3 miliardi di franchi l'anno, si legge in una nota governativa odierna.

Inoltre, sulla base di due proiezioni e delle cifre concrete fornite da cinque Cantoni risulta che il vantaggio di una famiglia contadina rispetto a quella di un altro lavoratore indipendente ammonta a circa 2000-7000 franchi all'anno nei Cantoni considerati. La differenza è riconducibile soprattutto al minore onere fiscale risultante dal fatto che per i contadini il valore locativo calcolato è inferiore.

Dal rapporto emerge, tuttavia, che l'aliquota ridotta dell'imposta sul valore aggiunto (IVA) su determinati consumi intermedi, come ad esempio i concimi, e l'esenzione dall'IVA nella vendita di prodotti di produzione propria non comportano alcun vantaggio fiscale per gli agricoltori a causa della deduzione dell'imposta precedente.

Rispetto al resto dell'economia l'agricoltura è gravata, tra l'altro, da limitazioni per quanto riguarda determinate forme di persone giuridiche, il che riduce le possibilità al momento della pianificazione fiscale, precisa ancora il comunicato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.